Powered by Blogger.

Archivio blog

Search

sabato 27 agosto 2016

La "Guardia costiera libica" ha aperto il fuoco su una nave umanitaria di MSF. Pochi giorni dopo il Memoriale d'intesa con EUNAVFOR MED. Il dovere della verità è rispetto delle vittime.


Questa mattina a Trapani si sono celebrati i funerali delle cinque ultime vittime della Rotta del Mediterraneo centrale. Come al solito nessuna notizia sulla dinamica del ritrovamento di questi cinque cadaveri, quattro siriani, tra cui due bambini, ed un egiziano, che il 18 agosto scorso si trovavano a bordo di un barcone in legno, soccorso pochi giorni fa, insieme con un altro barcone, da una nave umanitaria, la Topaz Responder di Moas che, in appoggio ad un'altra nave umanitaria, ha dovuto operare a circa ventidue miglia dalla costa libica. Ci sarebbero stati anche due dispersi, tra cui un bambino siriano.

http://gds.it/2016/08/19/barcone-capovolto-nel-canale-di-sicilia-due-bimbi-tra-i-5-cadaveri-recuperati_553993/

http://www.dailymail.co.uk/wires/ap/article-3750361/Survivors-Libyan-shipwreck-report-7-Syrians-dead.html

https://www.yahoo.com/news/three-syrian-children-drown-boat-sinks-off-libyan-080316287.html

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/08/20/foto/migranti_giunta_al_porto_nave_con_cinque_salme_a_bordo_donne_e_bambini

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/08/nel-mediterraneo-centrale-continuano-i.html

Nella stessa giornata di oggi i media libici hanno dato notizia che in data 17 agosto un battello veloce della Guardia Costiera libica aveva aperto il fuoco sulla nave umanitaria Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere mentre svolgeva attività SAR ( Ricerca e salvataggio) nella stessa zona, oggetto di tanti salvataggi in passato. 

A distanza di giorni la notizia trapela nella stampa internazionale, mentre in Italia prosegue la censura più stretta.

https://www.theguardian.com/world/2016/aug/28/libyan-navy-admits-confrontation-charity-rescue-boat-msf

Salvataggi che oggi sono in forte diminuzione a causa del rallentamento delle partenze dalla costa libica, effetto della situazione di conflitto armato che rende sempre più difficili e pericolosi gli spostamenti dei migranti che attraversano la Libia per imbarcarsi verso la Sicilia. Nel Comunicato della Guardia Costiera libica si fa riferimento al ritiro degli uomini armati dalla nave umanitaria, occupata per 50 minuti, solo dopo avere avuto notizia che la stessa nave "avrebbe fatto parte dell'Operazione Sophia". Da chi e' giunta questa comunicazione e qual'e', al limite tra le acque libiche e le acque internazionali, l'attuale assetto di collaborazione tra la cd. Guardia Costiera libica e i mezzi navali dell'operazione EUNAVFOR Med, altrimenti definita Operazione Sophia ?

http://www.libyanexpress.com/al-serraj-urges-west-to-press-libyas-neighbouring-countries-into-protecting-joint-borders/

http://www.analisidifesa.it/2016/08/eunavfor-med-addestrera-la-marina-libica-firmato-laccordo/

https://www.stratfor.com/analysis/libya-eu-come-agreement-migrants

http://www.libyanexpress.com/gunmen-attacked-doctors-without-borders-boat-off-libyan-coast/

http://www.lefigaro.fr/international/2016/08/25/01003-20160825ARTFIG00268-un-navire-de-sauvetage-de-msf-attaque-au-large-de-la-libye.php

Doctors Without Borders (MSF) condemned the Libyan Navy’s boat attack on its ship (Bourbon Argos) which it said was on a search and rescue mission off the Libyan coast.
On Friday, the MSF said in a statement that it was ticked off by the “violent act” against the humanitarian and medical organization, which only aims at conducting rescue operations in the Mediterranean to save the lives of the immigrants, who flee wars, poverty, and catastrophes.
“On board the ship, there were the crewmembers, MSF staffers, and the rescue team, yet no one was hurt.” The MSF indicated, adding that neither the identity nor the ends of the attackers have been recognized although they seemed professional and well trained.
The MSF coordinator, Stefano Argenziano, said the assault was dangerous and disturbing as it nearly put the crewmembers’ lives in danger.
On the other hand, the Spokesman of the Libyan Naval Forces in Tripoli, Ayoub Qasim, denied the news about an intentional attack on the MSF ship, saying the whole incident was some warning shots fired by a Libyan Navy boat as it was patrolling off the Libyan coast.
“When the Libyan Navy personnel asked the MSF ship to stop, it refused, so they fired warning shots then they withdrew after they knew the ship belonged to the EU Operation Sophia.” Qasim added, saying investigation is underway.
The assault on Bourbon Argos took place 24 nautical miles to the north of the Libyan coast on August 17. The attack is said to be launched by an armed group, whose members climbed on the deck of the ship, fired some gunshots and then left, according to the MSF statement.

http://www.libyaobserver.ly/news/libyan-navy-explains-interception-doctors-without-borders-ship                   

In un primo momento, invece, la Guardia Costiera Libica non aveva fatto alcuna ammissione dei fatti. Secondo il quotidiano Libya Herald le acque costiere libiche si estendono per 12 miglia, quindi l'intervento degli uomini armati a bordo della Bourbon Argos era avvenuto in acque internazionali. Su questo qualche procura europea dovrebbe aprire un fascicolo d'ufficio.

Libyan naval forces in Tripoli have made no comment on the incident. The EU’s Operation Sophia has been arresting suspected people smugglers who have been taken to Italy for trial.
Libya’s territorial waters are recognised internationally to extend for 12 miles. However Muammar Qaddafi once claimed that the whole of the Gulf of Sirte as Libyan territory.

https://www.libyaherald.com/2016/08/26/migrant-rescue-ship-attacked-on-the-high-seas/

http://www.libyanexpress.com/kobler-condemns-shooting-at-doctors-without-borders-boat/

Pochi giorni prima si era concluso un primo accordo tra la stessa Guardia Costiera libica ed i vertici dell'operazione militare europea EUNAVFOR MED, con la prospettiva di una formazione congiunta dei militari impegnati a bordo delle motovedette libiche, e di una collaborazione più stretta nelle operazioni di "contrasto dell'immigrazione irregolare" che, nelle acque al limite delle acque territoriali libiche, 12-24 miglia dalla costa, significa soltanto dare più mezzi e capacità ai mezzi libici per andarsi a riprendere i migranti in fuga. In fuga da un paese nel quale, dopo il loro "salvataggio", una volta riportati a terra resteranno confinati in centri di detenzione, esposti ad abusi terribili e ben documentati, con il rischio di successive deportazioni verso il Niger, il Sudan o la Nigeria, esposti soprattutto al ricatto dei trafficanti che in Libia continuano ad operare nella più totale impunità, avvalendosi di scafisti occasionali, che alla fine sono gli unici ad essere perseguiti dopo lo sbarco nei porti italiani.

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/08/eunavfor-med-operazione-sophia-stipula.html

http://www.marsecreview.com/2016/08/eunavfor-to-train-libyans/

 UK Foreign Secretary, Philip Hammond, said: “The Libyan coast guard is the basis on which we have to build security in the coastal waters of Libya. The key thing is that we’ve now got the Libyan government asking us for that help,

http://libyaprospect.com/index.php/2016/08/15/germany-to-participate-in-training-libyan-coast-guards/

https://www.dabangasudan.org/en/all-news/article/libyan-coast-guards-catch-more-than-100-sudanese-migrants

http://www.libyaobserver.ly/news/western-coast-guard-intercepts-115-illegal-immigrants-al-garaboulli-shores

TRIPOLI: Libyan coastguards intercepted about 550 migrants from sub-Saharan Africa on Tuesday after they set out to cross the Mediterranean in four rubber boats, Tripoli coastguard spokesman Ayoub Qassem said.

The migrants from various African countries, including 30 women and three children, were stopped off the Libyan coast near Sabratha, a city 80 km (50 miles) west of the capital Tripoli.

Another 850 migrants were intercepted in the same area on Sunday.


http://gulftoday.ae/portal/a748c42e-255c-4f1b-ad02-7885af0fd88c.aspx

http://dirittiefrontiere.blogspot.it/2016/05/le-milizie-libiche-catturano-in-mare.html

Meanwhile, in another report published yesterday, the IOM said that it had facilitated the voluntary return of 241 Nigerian nationals from detention in Libya on Tuesday. This now brings the total of illegal migrants repatriated from Libya to their countries of origin since the overthrow of the Qaddafi regime in 2011 to nearly 11,000 migrants.
The Nigerians included 174 men and 67 women, and included several teenagers.  This brings the total number of Nigerians returned from Libya in 2016 to 581. Since the onset of the Libyan crisis in 2011, some 1,624 Nigerians have returned home from Libya through the IOM.

This compares with some 3,000 migrants returned from Libya to Niger – a country which shares a land border with Libya. The IOM charter flights have also repatriated migrants from Libya to Senegal, Mali, Burkina Faso, Guinea-Conakry, Ghana, Sudan and The Gambia.

https://www.libyaherald.com/2016/08/27/nearly-11000-migrants-repatriated-from-libya-and-3165-mediterranean-fatalities-iom/

http://reliefweb.int/report/libya/iom-libya-migration-and-assistance-overview-12-25-august-2016

https://www.libyaherald.com/2016/08/05/libya-coast-guard-reports-over-10k-migrants-rescued-up-to-july-2016/

July 7, 2016 (KHARTOUM)- Libya’s coast guard this week seized five boats carrying over 500 illegal African migrants, among them 100 Sudanese, who had tried to cross the Mediterranean to Europe, Sudan tribune has learnt Thursday.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59541
http://www.telegraph.co.uk/news/2016/05/23/libya-migrant-crisis-coast-guard-intercepts-boats-carrying-850-m/

Di fronte al dolore che abbiamo vissuto in un giorno di lutto per tutta l'Italia, un lutto che a Trapani si è condensato in una piccola cerimonia funebre davanti a cinque bare di migranti, di fronte al pianto disperato ma dignitoso di un uomo che aveva perso la propria moglie, non possiamo continuare a tacere, sentiamo il dovere di rompere il silenzio, e di riportare fatti, di ricercare responsabilità. Fatti che troppi tengono nascosti ad un'opinione pubblica sempre più schierata in una guerra contro i migranti, ritenuti a torto responsabili per tutto quello che viene negato alle fasce più deboli della popolazione, in nome delle politiche neoliberiste  imposte dal modello economico dominante in Europa. Il fascismo della frontiera impone un prezzo sempre più alto in termini di vite umane, le politiche probizioniste non bloccano le partenze ma arricchiscono soltanto i trafficanti.                                                                                                            

http://reliefweb.int/sites/reliefweb.int/files/resources/Libya

Perchè solo la denuncia può interrompere questa serie di tragedie ed impedire che gli accordi tra l'Unione Europea e quella che si propone come Guardia Costiera libica, magari sul modello dell'accordo infame tra Unione Europea e Turchia, possano produrre altri lutti in futuro.
    Quanto successo era ampiamente prevedibile, dopo il memorandum d'intesa tra EunavforMed e la Guardia Costiera libica, che, per incassare i soldi promessi da Bruxelles, deve almeno dimostrare di estendere lo spazio della propria giurisdizione( al limite delle 24 miglia dalla costa)  in modo da riprendersi il maggior numero di migranti da rigettare poi nei centri di detenzione in Libia, persone che, con tutta probabilità, finiranno poi  nelle mani dei trafficanti. I racconti dei migranti arrivati dalla Libia, dopo essere stati arrestati dalle forze di polizia, meglio sarebbe dire dalle milizie libiche, sono agghiaccianti. Si attendono smentite. E ne parliamo con un confronto pubblico in rete. Intanto fate girare questa notizia che cercheranno di censurare. Di sicuro, per noi non finisce qui.

http://meridionews.it/articolo/46521/assaltata-la-nave-di-medici-senza-frontiere-spari-e-uomini-armati-a-bordo-per-50-minuti/

0 commenti:

Posta un commento

Presentazione

Un blog perché la cronaca quotidiana non diventi assuefazione, per contrastare la rimozione di problemi che sono prodotto di scelte politiche e di prassi amministrative che si nascondono dietro le retoriche dell'emergenza e della sicurezza. Prima di Lampedusa, prima dello sbarco, cronache di viaggi che spesso terminano in tragedie, poi notizie raccolte nei luoghi di sbarco e di accoglienza, dove si diffonde la detenzione informale e dove i diritti fondamentali dei migranti vengono compressi da una discrezionalità che si sottrae a qualsiasi controllo giurisdizionale, infine testimonianze di viaggio verso altri paesi, per trovare quel futuro e quella dignità che lItalia non garantisce più. E dunque fatti, persone, non numeri o dati, un racconto quotidiano che diventa memoria, ma anche impulso per modificare, in Italia ed in Europa, il quadro legislativo e le procedure applicate.


Diritti sotto sequestro